Pubblica Amministrazione

Progettazione e realizzazione di un CMS e nuovi siti Web istituzionali accessibili

Il Progetto ha previsto la realizzazione e fornitura di un software di gestione Front End/Back End di una piattaforma CMS (Content Management System) per la gestione dei siti Web/portali di enti locali, sviluppato con le caratteristiche di accessibilità – raccomandazioni in merito agli standard W3C WAI del Ministero per l’Innovazione e le Tecnologie (Legge n. 4 del 9 gennaio 2004, comunemente chiamata “Legge Stanca”) - e modalità di comunicazione più aggiornate.

Il CMS è un sistema di gestione multicanale che permette agli Enti di gestire e diffondere le proprie informazioni sia attraverso il canale Web tradizionale che attraverso canali e dispositivi diversi, come il Mobile Web, il canale voce e la IPTV, utilizzando lo stesso ambiente di gestione dei contenuti e lo stesso repository.
Il CMS permette di fornire ai propri navigatori versioni differenziate, nella forma e nella presentazione, dei propri contenuti, per diffondere informazioni realmente accessibili da ogni luogo e mezzo.
Il CMS proposto durante la fase di sviluppo, ha tenuto conto di tutti quegli aspetti riportati nelle linee di indirizzo sul riuso della Regione Toscana (DGR 1258/2005), e nelle modalità per il riuso dei prodotti di E-Government (D 1151/2006), consentendo l’iscrizione da parte della Comunità Montana Amiata Val d’Orcia al catalogo del riuso della Regione Toscana.

Grazie al CMS, la Comunità Montana e alcuni enti locali della Provincia di Siena hanno potuto realizzare siti Web, che erogano sevizi e informazioni alla cittadinanza, su un ambiente omogeneo, capace di essere ampiamente accessibile e uniforme in termini di requisiti di usabilità e di navigazione.
Inoltre ogni sito Web è stato personalizzato graficamente, così da rendere riconoscibile ogni Pubblica Amministrazione.

La struttura di navigazione dei siti è intuitiva, così da orientare l’utente nell’accesso dei servizi e alle aree di interesse, conformemente alle disposizioni del Codice dell’amministrazione digitale, D.Lgs. 82/2005, con particolare riferimento all’art. 54 inerente il contenuto dei siti delle amministrazioni.

Dal lato redazione, grazie al CMS, il personale dell’Ente pubblico, in totale autonomia può sviluppare in modifica ed integrare i contenuti, beneficiando dell’ambiente predisposto sia in termini di rappresentazione grafica e struttura di navigazione che di argomenti e contenuto di base.
Ad oggi sono 15 gli Enti che hanno aderito al progetto ”Siti Web accessibili” della Comunità Montana Amiata Val d’Orcia.

Il Telecentro ha realizzato i nuovi siti e la migrazione dei contenuti dai vecchi siti sulla nuova piattaforma di Content Management System della Comunità Montana Amiata Val d’Orcia.

Parallelamente alla messa online dei nuovi siti si sono svolti i corsi di formazione per i responsabili redattori dei siti Comunali. Complessivamente sono oltre 100 i dipendenti di alcuni degli Enti della Provincia di Siena che hanno seguito il corso per imparare ad utilizzare il sistema di gestione dei rispettivi siti.
Quasi tutti i siti  comunali sono on line nella nuova versione accessibile, altri lo saranno a breve.

Torna all’indice

I siti della Comunità Montana Amiata Val d’Orcia e dei Comuni associati

Torna all’indice

I siti dell’Unione dei Comuni Valdichiana Senese e dei Comuni associati

Torna all’indice

I siti dei Comuni delle Crete Senesi

Torna all’indice

La gestione dell’Albo Pretorio Online

Le recenti disposizioni dell’art. 32 della Legge 69/2009 del 18 Giugno 2009 stanno portando ad una vera e propria rivoluzione nella pubblicazione dell’Albo Pretorio, rendendo obbligatorio per tutte le Pubbliche Amministrazioni, la pubblicazione su Internet di delibere, ordinanze, bandi e concorsi, consulenze ed incarichi che devono essere costantemente a completa disposizione del cittadino.

Per fare fronte a questa nuova problematica il Telecentro ha sviluppato, per la Comunità Montana Amiata Val d’Orcia, “albopretorio-online.com”, una nuova piattaforma conforme alla normativa, che permette la gestione e la pubblicizzazione dei documenti all’Albo Pretorio in maniera semplice ed intuitiva.

Le sue funzionalità principali sono due:

  • il personale dell’Ente, attraverso un accesso con Username e Password, inserisce i documenti sui quali ricade l’obbligo della pubblicità legale, direttamente dal suo PC attraverso il browser Internet;
  • i cittadini possono consultare liberamente i documenti accedendo con il loro browser Internet all’Albo Pretorio Online, come se fosse un albo pretorio tradizionale, con la possibilità di ricercare e filtrare gli atti.

Alcune caratteristiche della soluzione adottata:

  • albopretorio-online.com è un’applicazione Internet, quindi non richiede l’installazione di alcun software aggiuntivo sul PC. Per aggiornare l’Albo basta utilizzare un normale browser come Mozilla Firefox o Internet Explorer 7.0 o superiore;
  • albopretorio-online.com classifica i documenti in base alla tipologia e all’utente che li ha inseriti;
  • albopretorio-online.com gestisce in maniera automatica i tempi di pubblicazione stabiliti dalla normativa, consentendo agli utenti registrati la possibilità di visionare/modificare/eliminare gli atti scaduti;
  • albopretorio-online.com gestisce la conservazione dei documenti grazie al backup continuo dei dati;
  • albopretorio-online.com è facilmente integrabile nel proprio sito internet già esistente e può essere opzionalmente personalizzato nella grafica per rispecchiare il sito Internet originale dell’ente;
  • albopretorio-online.com è pienamente conforme, in termini di sicurezza informatica, alle stringenti misure del d.lgs. n.196 del 2003 (Codice della Privacy).

Il progetto ha reso possibile la realizzazione di una soluzione rispondente alle esigenze della Comunità Montana ma che ha permesso di ottenere un software adatto per essere utilizzato da tutti gli Enti che hanno la necessità di pubblicare documenti su una bacheca virtuale.

È possibile visitare il sito all’indirizzo www.albopretorio-online.com nel quale vengono evidenziate le caratteristiche principali e le funzionalità del prodotto realizzato, nonché visionare una demo online su un modello grafico adatto per qualsiasi Ente Pubblico che volesse adeguarsi alla normativa di legge.

Torna all’indice

L’Amministratore di sistema

Il Garante privacy ha stabilito che entro il 15 Dicembre 2009 la maggior parte delle aziende pubbliche dovranno registrare e conservare i dati relativi agli accessi ai sistemi contenenti dati sensibili da loro gestiti, al fine di agevolare la “verifica sulla loro attività da parte di chi ha la titolarità delle banche dati e dei sistemi informatici” (Gazzetta Ufficiale n. 300, 24 Dicembre 2008).

In questo provvedimento per amministratori di sistema si intendono gli amministratori di reti, database, apparati di sicurezza e sistemi software complessi.
L’azienda o l’ente è quindi tenuto a identificare gli amministratori di sistema, per poi registrare e conservare i log di tutti gli accessi logici: ciò significa che ad essere registrati dovranno essere per legge solamente i “log in” e “log out” degli amministratori sui sistemi contenenti i dati più sensibili, e non tutte le attività svolte su tali sistemi.
I log registrati dovranno “comprendere i riferimenti temporali e la descrizione dell’evento che le ha generate e devono essere conservate per un congruo periodo, non inferiore a sei mesi”.
Le registrazioni degli access log devono inoltre essere completi, conservabili su sistemi che garantiscano la loro inalterabilità e che garantiscano al contempo la possibilità di verifica della loro integrità.

In pratica ogni ente, dopo aver nominato gli amministratori, dovrà dotarsi di un sistema di Log Management, in grado di tracciare gli accessi degli amministratori di sistema ai vari dispositivi ed applicazioni che gestiscono e che possa conservare i dati in maniera sicura per un periodo minimo di sei mesi.

Gli adempimenti per l’Ente secondo quanto previsto dal provvedimento sono:

  • Individuare i sistemi che contengono i dati più critici (dispositivi di rete, database, apparati di sicurezza e sistemi software complessi);
  • Nominare gli Amministratori di Sistema – interni e esterni – e tenere un elenco aggiornato degli stessi;
  • Dotarsi di un sistema di Log Management in grado di tracciare gli accessi degli operatori ai dispositivi ed alle applicazioni che gestiscono;
  • Conservare i dati in maniera che non sia possibili modificarli;
  • Mantenere i dati per un periodo minimo di sei mesi al fine di permettere eventuali verifiche e controlli.

Il Telecentro attraverso la Comunità Montana Amiata Val d’Orcia intende supportare i vari Enti in tutte le attività tecnico/organizzative necessarie per mettersi in regola con le disposizioni del Garante, ed in particolare:

  • Individuazione dei sistemi da monitorare;
  • Individuazione univoca degli amministratori di sistema e creazione di utenze collegate alla persona fisica;
  • Analisi e dimensionamento dei server e degli apparati di rete da monitorare;
  • Consulenza tecnico-organizzativa sul provvedimento;
  • Rilascio di un documento finale “relazione tecnica” in cui saranno elencati tutti gli adempimenti a carico dell’Ente di carattere tecnico/organizzativo per l’adeguamento a quanto previsto dalla normativa vigente.

Torna all’indice

TISegnalo

Il Telecentro ha sviluppato il nuovo software “TISegnalo”, un’applicazione utile per segnalare piccoli interventi di manutenzione.
TISegnalo prevede la possibilità per il cittadino di segnalare in modo estremamente semplice attraverso la navigazione su mappe geografiche, piccoli interventi di manutenzione che creano un disagio.
Attraverso TISegnalo il cittadino potrà responsabilmente mettere a conoscenza gli uffici proposti che prenderanno in carico il problema e si adopereranno per risolvere il disagio in modo rapido.

Le finalità del progetto sono quelle di rendere il cittadino attore e responsabile in prima persona sul territorio, dall’altra parte l’Ente potrà prendere in carico l’intervento da eseguire assegnandolo agli uffici competenti e organizzando in modo programmato le risorse da mettere a disposizione.

La soluzione si prefigge prima di tutto di rispondere ad un problema molto evidente degli Enti che riguarda l’ordinaria manutenzione del Bene Pubblico, la riduzione delle risorse a disposizione derivata dai costanti tagli rende necessario ottimizzare gli interventi da eseguire, allo stesso tempo rispondere in modo efficace alle esigenze dei cittadini.

La piattaforma Web è integrabile sul portale della Comunità Montana e sui siti degli Enti che vorranno aderire al progetto.
Il sistema è organizzato da un front office e da un back office, sul Front Office saranno disponibili 4 sezioni:

  • Segnala
  • Archivio segnalazioni
  • Aiuto
  • Amministrazione

Al Back Office sarà possibile accedere attraverso la sezione amministrativa, all’interno del quale saranno organizzati i ruoli determinando gli uffici di competenza che dovranno prendere in carico e gestire l’intervento segnalato.

La sezione “Segnala” rappresenta la pagina principale dell’applicazione e permetterà in modo estremamente semplice di aprire un ticket di segnalazione.
Le segnalazioni per essere valide devono essere complete di tutti i dati richiesti.
Inviando la richiesta di manutenzione, l’Ente si impegna a trattare i dati forniti solo per intervenire sulla segnalazione e secondo il D. Lgs. 196/2003. Per evitare abusi, ogni segnalazione prima di essere visibile sarà visionata da un amministratore del sistema di gestione manutenzioni. Le segnalazioni e richieste di manutenzione possono essere effettuate anche di persona, recandosi all’URP, tramite email, oppure telefonando al numero verde “Manutenzioni” che potrà essere attivato.

Nella pagina “Segnala” si aprirà una mappa rappresentativa del territorio dell’Ente in cui attraverso una navigazione a video sarà possibile selezionare una determinata zona, ingrandire con più livelli di zoom, fino a determinare il punto esatto in cui effettuare l’intervento.
La navigazione avverrà su mappe di Google perché più semplici e efficaci per l’utente. Tuttavia il nostro sistema permetterà di aver più livelli di mappa con la sovrapposizione di shape files di più livelli di mappe andando a utilizzare quelle messe a disposizione dalla Regione Toscana.
Questo accorgimento permetterà di georeferenziare esattamente il punto in cui è richiesto l’intervento e posizionarlo all’interno dei confini istituzionali dell’Ente. Sarà così possibile attraverso una navigazione visuale segnalare interventi anche su un territorio vasto andando poi ad assegnarli agli Uffici degli Enti di competenza al fine di risolvere l’urgenza.

Nella sezione “Archivio“, sarà presente in modo trasparente l’elenco delle segnalazioni ricevute a cui sarà assegnato un ordine cronologico per ordine di ricezione, un titolo in cui si inserisce l’oggetto della segnalazione, la tipologia dell’intervento che potrà essere scelta selezionandola da un elenco, data e ora , luogo, da chi è stata effettuata la segnalazione e lo stato in cui si trova la segnalazione (ricevuta, in lavorazione, risolta) .

Nella sezione “Archivio” sarà possibile, cliccando sul singolo evento, visualizzare uno storico degli eventi che ne hanno modificato lo stato.
Lo storico sarà sempre disponibile e visibile in modo pubblico mettendo in luce quello che è l’operato di una Pubblica Amministrazione anche per risolvere piccoli interventi di manutenzione.
Nell’archivio storico sarà possibile effettuare anche ricerche molto articolate attraverso un  motore di ricerca.
Tutti gli utenti e cittadini possono in ogni momento vedere l’iter della segnalazione, verificando quindi gli interventi che sono stati effettuati e quando sono stati effettuati.
Coloro che non consentono la visualizzazione del nome e cognome saranno anonimi agli altri utenti.
I dati personali devono comunque sempre essere inviati perchè la segnalazione sia accettata.

La sezione “Aiuto“, è una sezione organizzata per spiegare in modo semplice attraverso una navigazione su oggetti a simboli la procedura per effettuare la segnalazione. Sarà sempre possibile richiedere un supporto on-line per l’inserimento della segnalazione oppure chiamare il numero verde che potrà essere attivato.

Dalla sezione “Amministrazione” sarà possibile accedere attraverso login e password all’area amministrativa di competenza dedicata agli uffici.

Alcune caratteristiche della soluzione:

  • la piattaforma di manutenzione non richiede l’installazione di alcun software sul PC: per inserire una segnalazione è sufficiente usare un normale browser come Internet Explorer o Mozilla Firefox;
  • gestisce la conservazione degli  interventi e l’archiviazione automatica;
  • è facilmente integrabile nel proprio sito internet già esistente;
  • è pienamente conforme, in termini di sicurezza informatica, alle stringenti misure del d.lgs. n.196 del 2003 (Codice della Privacy).

Torna all’indice

Realizzazione e installazione infrastruttura VoIP

Il Telecentro Amiata Val d’Orcia insieme alla Società Amtec di Abbadia San Salvatore, ha sperimentato presso i propri locali una infrastruttura tecnologica per i servizi VoIP.

La stretta collaborazione tra la Coding srl e l’Amtec, ha permesso di mettere a punto e testare gli apparati messi a disposizione dalla Società del gruppo Elsag Datamat con i servizi erogati dal  Telecentro.
Il periodo di prova ha dato risultati ottimali dal punto di vista delle prestazioni e delle funzionalità del sistema. Con queste premesse il Telecentro si è proposto come System Integrator delle soluzioni Amtec per la realizzazione di un progetto pilota in ambito Voip per la sede della Comunità Montana Amiata Valdorcia.

L’obiettivo generale del progetto è stato quello di un infrastruttura tecnologica VoIP nella sede della Comunità Montana Amiata Val d’Orcia, al fine di analizzare e monitorare le effettive economie attivabili con la tecnologia VoIP ed evidenziare punti di forze e eventuali criticità.

Il Telecentro ha avuto in questo contesto anche il ruolo di coordinamento di tutte le attività legate all’istallazione e messa in funzione dei nuovi impianti attivando dove richiesto collaborazioni esterne.
La fase sperimentale si è conclusa con il test degli apparati utilizzati e dell’infrastruttura complessiva, la stessa è stata preceduta da una attività di analisi che ha permesso di raggiungere obiettivi di efficacia ed efficienza nella rete di telecomunicazione con la razionalizzazione di alcuni servizi grazie alle nuove funzionalità offerte dalla tecnologia VoIP.
Il periodo di test ha evidenziato alcune criticità che sono state segnalate e risolte con la sostituzione di alcuni apparti utilizzati e ha permesso di ottenere un abbattimento dei costi delle chiamate tra gli enti.

La Comunità Montana nell’ambito del progetto regionale per il VoIP intende mettere a disposizione dei vari Enti l’infrastruttura tecnologica necessaria per l’adeguamento a quanto  previsto  dalla  Legge Finanziaria per il 2008.

Con queste premesse il Telecentro si propone come System Integrator per la realizzazione e il montaggio dell’infrastruttura VoIP individuata all’interno degli Enti aderenti della Comunità Montana Amiata Val d’Orcia.

Torna all’indice

Progetto Wireless Access Information P.A. (WAIPA)

La Legge 155 del 2005, meglio conosciuta come Decreto Pisanu, impone l’identificazione certa, attraverso la registrazione di un documento di identità, di quanti si collegano ad internet attraverso Hot Spot pubblici. Inoltre il fornitore del servizio è tenuto a dotarsi di un sistema di tracciamento della navigazione di ogni utente.

WAIPA è un progetto di nuova concezione nato per soddisfare l’esigenza di connessione internet da luogo pubblico dando grande importanza alla semplicità d’uso e al rispetto delle norme di legge.
WAIPA utilizza tecnologie evolute ma le rende semplicemente accessibili.
L’utente del servizio, quando si trova nell’area “Wi-Fi Zone“, debitamente segnalata attraverso la presenza di cartelli o adesivi, attiva sul proprio personal computer la ricerca delle rete Wi-Fi disponibili e selezionando quella Hot Spot, viene istradato in modo automatico ad una pagina di login.

All’interno della pagina di login chiamata tecnicamente “Captive Portal“, l’utente procede inserendo il suo numero di cellulare ed un codice di accesso, riceve in pochi secondi un sms che riporta una password. Inserendo la password in possesso, l’utente accede ad internet per un periodo di tempo definito 7×7 e sarà possibile navigare su tutti i siti istituzionali degli enti aderenti al progetto.

Molteplici sono i servizi che possono essere offerti attraverso la realizzazione di una rete di accesso nomadico:

  • Accesso pubblico: i turisti possono accedere nelle aree “coperte” ai servizi a banda larga, quali dati, voce e video su IP;
  • E-Government: consentire ai cittadini, alle imprese e ai professionisti un accesso più facile ed immediato ai servizi comunali;
  • Pubblica informazione: migliorare lo status quo dei cittadini ed incentivare gli arrivi dei turisti che possono reperire tutte le informazioni per rendere piacevole il soggiorno;
  • T-Government: attraverso tecnologie innovative come Web-TV, il cittadino può usufruire di informazioni specifiche su iniziative e cronache locali. Può essere anche un ottimo canale per la promozione turistica.

Torna all’indice