Telecentro

L’Accordo di Programma Quadro, per la disciplina delle risorse CIPE finalizzate all’attivazione di interventi che sviluppino la Società dell’Informazione regionale, sottoscritto tra il Governo Italiano e la Regione Toscana denominato “Società dell’Informazione nella Regione Toscana – Sviluppo della Società dell’Informazione nei piccoli Comuni e nelle Comunità Montane” (approvato con la Delibera GR n. 524 del 11 aprile 2005 e sottoscritto in data 29 aprile 2005) ha ampliato e rafforzato la collaborazione tra Stato e Regione Toscana in tema di Società dell’Informazione e della Conoscenza, allocando le succitate risorse su interventi che estendono le progettualità avviate, incentivando il lavoro nelle aree disagiate della regione e promuovendo nuove azioni, anche di natura sperimentale, a sostegno dell’innovazione amministrativa e infrastrutturale del territorio.

Tale primo Atto Integrativo dell’Accordo di Programma Quadro contiene interventi destinati a sviluppare la Società dell’Informazione presso le Comunità Montane ed i piccoli Comuni della Toscana e prevede, tra l’altro, la destinazione dei fondi CIPE anche all’attivazione di centri montani (Telecentri) per la diffusione della Società dell’Informazione e per il telelavoro.

Per questo, nell’ambito del Programma sullo sviluppo della Società dell’Informazione e della Conoscenza, la Regione Toscana ha sostenuto, nell’ambito dell’intesa con l’Uncem Toscana, tramite specifici avvisi pubblici per accedere ai finanziamenti, progetti sui Telecentri presentati dalle Comunità Montane toscane.
La Regione Toscana ha infatti stanziato 800 mila euro: risorse che sono state essere utilizzate per cofinanziare al 50 per cento le spese per le infrastrutture tecnologiche.

Anche l’Uncem Toscana ha individuato nel Telecentro, il modello ideale con cui concretizzare le proprie strategie di sviluppo occupazionale, soprattutto nella direzione della creazione di opportunità di lavoro qualificato nelle zone montane.
L’Uncem Toscana ha infatti portato avanti con forza il progetto dei Telecentri perseguendo non solo l’obiettivo del decentramento di alcune tipologie di servizi in zone montane da parte di grandi realtà aziendali (con la creazione di nuove opportunità lavorative), ma anche la formazione di professionalità di medio ed alto livello in grado di poter essere messe a disposizione delle aziende locali. Ciò potrebbe contribuirebbe notevolmente ad attrarre nuove realtà imprenditoriali in un tessuto pronto a fornire i servizi necessari per poter affrontare le sfide della modernizzazione e della globalizzazione dei mercati.

In questo quadro si colloca il progetto del Telecentro Amiata Val d’Orcia, che, attraverso articolate fasi di ricerca, progettazione, realizzazione, formazione e sperimentazione, intende proporre una struttura utile sia per le Imprese che alla Pubblica Amministrazione.

La Comunità Montana Amiata Val d’Orcia procedendo attraverso un bando pubblico ha affidato la gestione del Telecentro ad un concessionario Coding S.r.l. che attualmente gestisce e sviluppa i servizi attivati in collaborazione con gli enti pubblici ed è a disposizione dei privati per le attività di impresa.

Il Telecentro Amiata Val d’Orcia si propone di riuscire a coinvolgere nuove figure in particolare giovani e donne, legati al territorio montano, evitando il pendolarismo, a dimostrazione che le nuove tecnologie permettono l’abbattimento di barriere naturali e possono creare condizioni di pari opportunità agli abitanti della Comunità Montana Amiata Val d’Orcia con i centri più sviluppati della Provincia e della Regione.
Lo spopolamento delle aree montane può essere rallentato anche intensificando lo sviluppo delle tecnologie offrendo opportunità d’impresa anche nelle zone marginali.

Una risposta in tal senso può essere offerta dal Telecentro, centro servizi polifunzionale, avanzato dal punto di vista tecnologico, le cui attività si rivolgono ai privati, alle aziende ed alle pubbliche amministrazioni.

L’approccio alla gestione da parte della Comunità Montana Amiata Val d’Orcia è stato quello di individuare un concessionario privato il quale operasse secondo i canoni di una impresa privata, attivando una collaborazione diretta con la struttura dell’ente per la definizione delle problematiche e  lo sviluppo dei sistemi applicativi per la loro soluzione.

I risultati iniziali di questo modello sono senza dubbio positivi e riscontrabili nella strutturazione dei siti web realizzati condivisi e costruiti sulla base delle esigenze proprie delle amministrazioni, dell’ideazione e la realizzazione del programma TIsegnalo, e la sperimentazione diretta del sistema VoIP nella sede della Comunità Montana Amiata Val d’Orcia a Piancastagnaio.

La Coding S.r.l. sta conseguendo, in stretta collaborazione con la Comunità Montana Amiata Val d’Orcia, gli obiettivi previsti nella progettazione e molto importante sarà la costituzione di una rete dei Telecentri riconosciuta dalla Regione Toscana in modo di porsi sul mercato regionale come un sistema che offre una molteplicità di servizi ai potenziali clienti pubblici e privati.
In particolare rispetto alle esperienze in corso il Telecentro Amiata Val d’Orcia si colloca in un piano della conoscenza informatica che va oltre il sistema dei Call Center avendo al proprio interno professionalità, competenze ed esperienze di alto valore informatico in grado di sviluppare servizi e applicativi che, opportunamente valorizzati, nel contesto montano, potranno contribuire in modo determinante a portare innovazione nella gestione del territorio e delle sue risorse.